Tag Archive for Medicina

I 10 tipi di studente di Medicina

1. L’EMOFOBICO

sangue-provetta1

Può toccare cuori, cervelli, ossa, organi di vario tipo senza esprimere il minimo disagio, ma se gli metti in mano una provetta di sangue di pecora sviene. Letteralmente parlando, SVIENE. Tipico delle esercitazioni di Biochimica quando si centrifuga il sangue per separare il plasma dalla parte corpuscolata. Quante piastrelle del pavimento spaccate con capocciate all’indietro. Sono nella maggior parte dei casi di sesso femminile.

 

super-computer-nerd2. IL SECCHIA – “Zio, ci manca un giocatore per una partita di calcetto dalle 8 alle 9 sotto casa tua, vieni?” – “No guarda, devo studiare che ho l’esame a breve… non me la sento di rischiare” – “Mmm, capisco… che esame è?” – “Storia della Medicina” – “Vabbè dai, è tranquillo, che ti frega! Ma quando ce l’avresti, scusa?” – “Eh, fra due mesi e mezzo”. Mai più chiamato da nessuno. Capello unto come nella miglior tradizione della aglio olio & peperoncino, occhiali anticostituzionali e autismo strabordante. Perde tutti gli amici entro il primo semestre del primo anno.

 

3. IL LECCACULO

1129954__cow-tongue_p

Categoria presente un po’ dappertutto, ovviamente, il leccaculo in Medicina è colui che il giorno dell’esame più difficile dell’intero corso di laurea si presenta con un mazzo di fiori per la commissione. In reparto invece è il primo a seguire il primario in mezzo allo sciame di studenti nei meandri dell’ospedale, ridendo falsamente ad ogni squallida battuta del prof. A lezione fa sempre domande del cazzo, solo per farsi notare prendendo le veci del CURIOSO. All’esame, rigorosamente in camicia azzurra e Clarke beige, saluta i professori con sorriso, stretta di mano e bacetto. Te possino.

 

11176275_1440565272908483_79138391_n4. IL SELFIE-ADDICTED – In un giorno qualsiasi sulla bacheca di facebook, tra post anonimi e link qualsiasi, appare lui: camice verde, berretto verde, mascherina verde e occhi da fulminato. Apostrofa la foto con frasi del tipo “Oggi banale Duodenocefalopancreasectomia in elezione” quando non sa neanche cucire un bottone o tagliare un mandarino col coltello. Compito avuto in sala operatoria: ‘responsabile delle chiavi del bagno’. Confonde la testa coi piedi ma torna a casa fiero raccontando ai genitori del suo ruolo essenziale all’interno dell’equìpe chirurgica. Si addormenta a letto felice dei suoi 108 mi piace sotto la foto.

 

5. L’ASSIDUO – Molto simile al Leccaculo, tranne che per alcuni tratti (il leccaculo lo fa per il voto, l’assiduo lo fa per se stesso) l’assiduo è quel tipo di studente che trovi sempre in prima fila a prendere appunti e ad ascoltare la lezione, anche se le prof ripete palesemente ciò che è scritto sulle slides. Ma stai sicuro che lui è li davanti. Generalmente se ne frega di socializzare nelle ultime file: lui è lo studente modello e si deve distinguere.                                                                                       Scordatevi la sua firma. RACCOLTA-FIRME-RISONANZA-MAGNETICA-(1)

In quei rari casi in cui l’assiduo dovesse conservare qualche barlume di socializzazione, assumerà le sembianze del FALSARIO, colui che firma per mezzo corso. Generalmente coinvolto anche nel riciclaggio di nulla osta falsi, si dice sia un grande esperto di Photoshop.

 

Uomo-che-dorme6. L’ASSENTE – “Oh zio, oggi non vengo che ho la laurea del criceto… mi firmeresti? grazie”
Generalmente salvato ogni volta dal falsario, altrimenti non si sa come farebbe a sostenere gli esami se non fosse per lui, l’assente è il classico studente che a lezione non viene MAI, perchè tanto “I prof non sanno spiegare” oppure ha da fare a reparto e l’anestesista non da il via libera all’operazione se non c’è lui, oppure semplicemente non gli va di fare un cazzo. Generalmente FUORI CORSO di almeno 4 anni, al contrario dell’assiduo tipico, è un gran socializzatore: lo fa per istinto di sopravvivenza però, non per natura, altrimenti come farebbe a farsi firmare a ogni annata che frequenta?

 

7. L’ORGOGLIOSO

medici

Solitamente presente in mandria insieme ai suoi simili, l’orgoglioso è lo studente che usa la scusa del camice per fare il figo dentro il policlinico. Qualsiasi pretesto sarà buono: Pausa caffè? Va al bar in camice. Finito ambulatorio? Rimane in camice e se lo toglie solo dopo aver varcato la soglia dell’uscita. Deve andare a portare delle analisi o un referto in un altro reparto? Ci va in camice. Finito di fare le ADP coi suoi colleghi? Scende in camice e si fa un giro nelle biblioteche (sempre in camice), anche se non si deve fermare per studiare, giusto per far vedere ai suoi amici che lui è Medico veramente, che è uno che conta all’interno dell’Ospedale. E’ parente stretto del SELFIE-ADDICTED con cui condivide i mi piace su facebook.

 

lavoro-ingegnere-elettrotecnico8. IL TECNICO – Quante volte sarà capitato che il proiettore in aula non funzionasse, o che il computer non riuscisse a leggere la pennetta USB, o che il prof non sapesse collegare cavi e quant’altro? Quante volte la lezione è stata rimandata o è andata avanti senza l’ausilio delle diapositive? MAI. In ogni corso di laurea che si rispetti c’è sempre il Tecnico, il mancato ingegnere elettronico che in un battibaleno e con estrema nonchalance risolve il tutto facendo sfigurare il pluri-laureato prof di turno, suscitando anche una leggera frustrazione generale (ammettiamolo) per chi già pregustava l’idea di passare un’ora a toccarsi lo scroto. Molto spesso il tecnico si mimetizza con l’ASSIDUO o con il SECCHIA.

 

Senza titolo9. IL FATALISTA – Il fatalista è una categoria da evitare come la peste. Le sue prede sono i suoi amici/colleghi il giorno dell’esame: lui non vuole fare il medico in realtà, lui vuole solo seminare il panico, incutere terrore. Non si sa perchè, forse ha sofferto troppo negli esami precedenti, forse ha semplicemente mancanza di attenzioni e vuole in qualsiasi modo cambiare le carte in tavola, rendersi influente: il fatalista ama tirar fuori durante il ripasso generale, a pochi minuti dall’appello, le domande più bastarde fatte dai prof durante gli esami precedenti. Non importa se le domande sono recenti e realmente fatte, se erano state fatte 20 anni prima da un prof ormai in stato di mummificazione o se nemmeno esistono e sono solo voci di corridoio non confermate: lui le DEVE dire, si deve sentire importante, ha bisogno di tutti gli occhi (spalancati) addosso, sennò non è contento. Torna generalmente a casa bocciato per non aver saputo rispondere alla domanda “che cos’è il nucleo”.

 

15a10. LO SPERIMENTATORE – Lo abbiamo fatto TUTTI, non neghiamolo. Tutti abbiamo abusato di nonni, parenti, amici, zii, sconosciuti, per sperimentare le nostre conoscenze acquisite in questi anni di studio. Chi non ha mai preso il fonendo per la prima volta per auscultare il proprio battito cardiaco? Chi non ha mai preso il polso di un amico con la febbre per il puro gusto di sentirsi un po’ dottori? Chi non ha mai costretto la propria nonna ipertesa a sdraiarsi per provare lo sfigmomanometro nuovo di zecca? Chi non ha mai scaraventato il parente di turno sul divano a pancia all’aria con -18° per testare le proprie abilità percussorie? In fondo, chi più chi meno, siamo stati tutti degli sperimentatori, e tutti dobbiamo esserlo per esercitarci al meglio ogni giorno nella pratica di questa meravigliosa professione.

Inibitori di pompa

 

Inibitori di pompa

Gli “Inibitori di pompa”, o più correttamente, Inibitori della pompa protonica (PPI), sono una classe di farmaci usati nella cura di diverse sindromi quali dispepsia e pirosi (il classico “bruciore di stomaco”) tipiche di Gastrite, Ulcere gastro-duodenali Malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE).

Gli inibitori della pompa protonica agiscono sulle cellule che secernono acido nello stomaco, esattamente a livello della loro pompa protonica, inibendola e riducendo così l’acidità gastrica. Il nostro stomaco produce acido cloridrico (HCl) che serve per favorire la digestione e per uccidere i microorganismi; tuttavia l’acido è corrosivo per i nostri tessuti, e per questo delle cellule specializzate producono il muco che riveste e protegge la mucosa dello stomaco dall’acido. Quando questa barriera di muco si danneggia, l’acido corrode il tessuto dello stomaco causando le patologie sovracitate. Il trattamento con inibitori della pompa protonica riduce appunto la produzione di HCl.

Invece nel mondo reale, gli Inibitori di pompa sono una serie di agenti dei servizi segreti della S.W.A.T. mandati in missione dalla Città del Vaticano per impedire qualsiasi tipo di FELLATIO sulla faccia della terra, comprese quelle innocue tra elementi chimici coinvolti in processi energetici a livello della membrana cellulare.

 

Per vedere altri disegni divertenti, senza rischio di rialzo pressorio, clicca qui
Per visitare la pagina facebook clicca qui

Aldosterone

 

Aldosterone

– Rossi Mario
– Russo Marco
– Santoro Gianni
– Sterone Aldo
– (…)

Chi non ha mai visto un elenco simile nel foglio firme di ogni anno a Medicina?
Cavallo di battaglia di generazioni di studenti all’appello degli ignari prof, che ormai hanno smesso di considerarlo, il famoso Aldo Sterone è diventato realtà! Si è materializzato. Direttamente dal trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, Aldo si inserisce nella molecola omonima sostituendo in toto, col suo tondo viso, l’ossigeno terminale.

Miiiiiii, non ci posso creeeedere!!! Il mio ormone preferiiitooo!!!

L’Aldosterone è un ormone steroideo prodotto dalle ghiandole surrenali. È il capostipite dei mineralcorticoidi che, come i glucocorticoidi, vengono prodotti nella corteccia del surrene. L’Aldosterone ha la funzione di regolarizzare i livelli di sodio, potassio ed il volume extracellulare, essendo coinvolto nel sistema Renina-Angiotensina, e viene secreto in condizioni di diminuizione della concentrazione di sodio e aumento della concentrazione di potassio, nel sangue.
In caso di aumento dei valori di Aldosterone avremo un rialzo della pressione arteriosa. Quindi non guardiamo troppe volte questo disegno!

 

Per vedere altri disegni divertenti, senza rischio di rialzo pressorio, clicca qui
Per visitare la pagina facebook clicca qui

Pompa Sodio Potassio

 

Pompa Sodio-Potassio

La Pompa sodio potassio, o Pompa Na+/K+ATP dipendente (Na+/K+ ATPasi), è un canale di membrana che si trova nelle cellule.  Essa sfrutta l’energia proveniente dall’idrolisi dell’ATP per perfettere la fuoriuscita di 3 ioni Na+ ogni 2 ioni K+ che entrano.

La pompa sodio potassio ha un ruolo attivo nel trasportare contro gradiente di concentrazione ioni Na+all’esterno della cellula e ioni K+ all’interno di essa. Questa operazione è di fondamentale importanza per le cellule, specialmente quelle nervose, in quanto permette loro di creare un potenziale elettrico ai due lati opposti della membrana, chiamato potenziale di riposo, alla base della propagazione dell’impulso nervoso elettrico.

Senza la Pompa, insomma, non riusciremmo a vivere… Mi sembra logico.

 

Per vedere altri disegni divertenti clicca qui
Per visitare la pagina facebook clicca qui

Malattia di Wilson

 

Malattia di Wilson

Brutte notizie per per i fan di Cast Away: il noto pallone, Wilson, è malato.

Dall’America, l’annuncio del suo compagno di avventura, l’attore Tom Hanks: “sono molto preoccupato per le sue condizioni di salute… l’altra volta mi sembrava un po’ giallo ma pensavo fosse per camuffarsi da pallone di Serie A. Non pensavo stesse in queste condizioni!”

Seriamente angosciata anche la fidanzata del pallone: “mi parlava di un certo anello con un nome tedesco strano, ma io pensavo che mi volesse sposare in Germania… boh, non credevo fosse una cosa seria.”
Ora il pallone è il lista d’attesa per trapianto di camera d’aria. Non ci resta che augurargli una pronta guarigione!

La Malattia di Wilson è un disordine genetico che determina un accumulo patologico di rame nel fegato e nel Sistema Nervoso Centrale. Caratteristica della Malattia di Wilson è la presenza dell’anello di Kayser-Fleischer, formazione circolare bruno-verdastra all’interno della cornea dovuta alla deposizione di rame nel tessuto oculare.

Nei casi più gravi l’unico modo per guarire dalla malattia è il trapianto di fegato.

 

Per ulteriori informazioni visitate il sito dell’Associazione Nazionale della Malattia di Wilson.